fbpx

Chirurgia plastica e salute: liposuzione migliora circolazione e benessere delle articolazioni

La liposuzione è l’intervento di chirurgia plastica più richiesto in Italia, per le donne è fondamentale recuperare la linea e avere una silhouette leggera e armonica, ma questo intervento ha ripercussioni importanti non solo davanti allo specchio ma anche sullo stato di salute dei nostri arti inferiori. Eliminare del peso in eccesso infatti ha benefici sulle articolazioni e la  liposuzione allevia un carico altrimenti cronico sugli arti inferiori.

L’eliminazione del grasso da addome, glutei e regione trocanterica (cosce) ha effetti diretti anche su circolazione sanguigna, pressione arteriosa e parametri ematici tra cui il livello di colesterolo e il profilo lipidico generale. Inoltre un effetto indiretto ma significativo: il miglioramento nella forma e nell’aspetto generale motiva le persone a mantenere il peso forma e ad assumere stili di vita più salutari contribuendo complessivamente a diminuire il rischio di malattie cardiovascolari e croniche in genere. Destino analogo per gli interventi ricostruttivi di chirurgia post bariatrica per eliminare la pelle in eccesso residuata dal calo di peso: recuperare un aspetto socialmente accettabile motiva questi soggetti a tenere sotto controllo peso, profilo metabolico e rischio di diabete. In particolare la diminuzione del grasso addominale contrasta la resistenza all’insulina e normalizza il livello degli ormoni che regolano sazietà e appetito.

L’insieme di questi benefici contribuiscono a benessere generale, migliore qualità di vita e perché no, sono un positivo fattore di aspettativa di vita in salute. Si sottopongono a interventi per perdere peso circa diecimila italiani ogni anno che devono poi fare i conti con una forma fisica alterata: hanno perso infatti i chili di troppo ma hanno addosso pelle rilassata e in eccesso che non li fa sentire bene con se stessi. Si ricorre allora all’asportazione chirurgica della pelle in eccesso con forme di lifting corporeo come quello ‘circonferenziale’ che restituisce un aspetto gradevole e una rinnovata autostima dei soggetti.